Brescia Infrastrutture condiviso con Fondazione del Teatro Grande di Brescia
Pubblica amministrazione

SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO A FAVORE DI BRESCIA INFRASTRUTTURE S.R.L., AI SENSI DEL D.LGS. N. 209/2005

Soggetto aggiudicatore: Brescia Infrastrutture s.r.l.
Oggetto: SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO A FAVORE DI BRESCIA INFRASTRUTTURE S.R.L., AI SENSI DEL D.LGS. N. 209/2005
Tipologia di gara: Procedura Aperta
Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente più vantaggiosa
Modalità di espletamento della gara: Telematica
Importo complessivo a base d'asta: € 412.313,72
Importo, al netto di oneri di sicurezza da interferenze e iva, soggetto a ribasso: € 412.313,72
CIG: 7943620299
Stato: Aggiudicata
Centro di costo: Unità Organizzativa Insurance e Risk Management
Aggiudicatario : Aon S.p.A.
Data aggiudicazione: 14 agosto 2019 0:00:00
Importo aggiudicazione: € 0,00
Data pubblicazione: 21 giugno 2019 14:00:00
Termine ultimo per la presentazione di quesiti: 23 luglio 2019 17:00:00
Data scadenza: 30 luglio 2019 17:00:00
Documentazione gara:
Documentazione amministrativa richiesta:
  • PassOE
  • CAUZIONE PROVVISORIA
  • DOMANDA DI PARTECIPAZIONE
  • DOCUMENTO DI GARA UNICO EUROPEO – DGUE
  • DICHIARAZIONI INTEGRATIVE E DOCUMENTAZIONE A CORREDO
  • CONTRIBUTO a favore dell’ANAC
  • ALTRA DOCUMENTAZIONE E/O PROCURE

Pubblicazioni ai sensi dell'art. 29 D.lgs. 50/2016

Nome Data pubblicazione Categoria
Elenco Cespiti Brescia Infrastrutture S.r.l. 24/07/2019 09:20 Altri Documenti
Determina di aggiudicazione 14/08/2019 15:53 Altri Documenti
Verbale n. 4 - Apertura Offerte Economiche 14/08/2019 15:23 Atti di aggiudicazione
Comunicazione avvenuta stipula del contratto 23/09/2019 17:42 Contratto
Verbale n. 1 - Apertura Buste Amministrative 01/08/2019 17:03 Verbali
Verbale n. 2 - Apertura Offerte Tecniche 07/08/2019 12:17 Verbali

Risposte alle domande più frequenti (FAQs)

FAQ n. 1

Domanda:

Al fine di predisporre al meglio l'offerta tecnica ed in particolare il punto a.1) si chiede a Codesta Spettabile Brescia Infrastrutture di pubblicare l'attuale Piano di Risk Management.

Risposta:

L’attuale piano di risk management è articolato nelle seguenti analisi di rischio:

- Rischio terrorismo;

- Rischio danni alla proprietà e attività;

- Rischio vulnerabilità agli eventi naturali (CAT-NAT);

- Rischio danni indiretti;

- Rischio cyber;

- Manuale di property conservation.

FAQ n. 2

Domanda:

Cortesemente si chiede: 1) se in Disciplinare Parte IV Sezione C (pagg. 38-39) il criterio elencato "esecuzione negli ultimi tre anni di almeno 3 (tre) servizi analoghi a quelli oggetto dell'appalto, a favore di enti locali, ciascuno con popolazione superiore a 50.000 abitanti" non sia effettivamente da considerare alla luce di quanto riportato in Art. 7.3 dello stesso Disciplinare a pag. 16, come richiamato nei modelli allegati; 2) se in Art. 21.1 lett. B) del Disciplinare (pag. 54) per la valutazione, non discriminatoria degli operatori economici, ai fini dell'ottenimento del massimo punteggio sia sufficiente che il mod. Qualità ISO 9001:2015 nel suo complesso ricomprenda la gestione sinistri o la procedura sinistri all'interno dello stesso, ferma la disponibilità alla comprova secondo indicazioni (es. allegato a Offerta Tecnica?). Relativamente al secondo quesito si evidenzia che l’attività di gestione dei sinistri rientri nell’Art. 106 D. Lgs. 209/2005 e s.m.i. e che, pertanto, sia da intendersi ricomprendibile anche nella più ampia definizione di attività di broker di assicurazione.

Risposta:

QUESITO 1) Si comunica che il criterio elencato nella Parte IV Sezione C del Disciplinare (pagg. 38-39), ovvero “esecuzione negli ultimi tre anni di almeno 3 (tre) servizi analoghi a quelli oggetto dell'appalto, a favore di enti locali, ciascuno con popolazione superiore a 50.000 abitanti” risulta essere un refuso. Pertanto, è da intendersi quanto riportato al Punto 7.3 "Requisiti di Capacità Tecnica e Professionale" dello stesso Disciplinare (pag. 16), come richiamato nei modelli allegati e cioè "Esecuzione nel triennio 2016-2017-2018 del servizio di brokeraggio assicurativo a favore di non meno 3 (tre) pubbliche amministrazioni, enti pubblici o società partecipate pubbliche, di cui almeno 1 (uno) con non meno di € 40.000 (Euro quarantamila/00) di provvigioni." QUESITO 2) Si conferma che la dimostrazione del certificato di qualità dovrà essere inserito nell'offerta tecnica e si intenderà valido al fine dell'ottenimento del punteggio la certificazione di Qualità ISO 9001:2015 per l'attività di broker di assicurazione.

FAQ n. 3

Domanda:

 1) Relativamente al requisito in Art. 7.3 del Disciplinare, si chiede conferma che l’importo di € 40.000,00 di provvigioni per almeno un incarico verso P.A., EE.PP. o S.P.P. sia da considerarsi nell’arco dell’intero triennio 2016-2017-2018, quindi non termini di provvigione per ciascun anno;

2) Rispetto al requisito in Art. 7.3 del Disciplinare, si chiede se nei raggruppamenti temporanei il requisito sopra menzionato (chiarimento II) debba essere posseduto dalla mandataria o meno, non individuando in Disciplinare analoga previsione a quanto inserito in pag. 3 dell’Allegato 5;

3) Per il criterio di valutazione offerta tecnica Art. 21.1 G.3 “descrivete quale modello di gestione suggerite a Brescia Infrastrutture per il monitoraggio dei nuovi rischi legati alla nuova mission della Società, ovvero quale di servizi strumentali di ingegneria ed architettura” si chiede di contestualizzare il quesito, anche esplicitando informazioni riguardanti precedente e nuova mission, e di precisare la parte di quesito sui servizi strumentali di ingegneria e architettura.

Risposta:

QUESITO 1) L'importo di € 40.000 di provvigioni è da considerare sull’intero triennio.

QUESITO 2) Per quanto concerne il requisito richiesto dal Disciplinare di gara al punto 7.3 e riportato anche nell'allegato 5, si conferma quanto riportato circa il fatto che il requisito stesso deve essere posseduto dal complesso di imprese che compone l'RTI, quindi da ciascun componente.

QUESITO 3) Si invita a prendere visione della mission e la vision di Brescia Infrastrutture descritte all’interno della politica per la qualità presenti nel sito internet di Brescia Infrastrutture al link https://www.bresciainfrastrutture.it/azienda/politica-della-qualita/

FAQ n. 4

Domanda:

Siamo cortesemente a chiedere dei chiarimenti con riferimento alle prestazioni richieste al lettera G) “CRITERI DI VALUTAZIONE DELL’OFFERTA TECNICA” del disciplinare di gara. Si chiede se i punti elencati descrivono attività che saranno oggetto del contratto in caso di aggiudicazione o se facciano riferimento alla valutazione che dovrà operare la commissione con riguardo all'offerta tecnica presentata.

Risposta:

Le prestazioni richieste per l’appalto sono specificate all’art. 1 del Capitolato speciale prestazionale. Quanto richiesto all’art.21.1, al punto G, del Disciplinare di Gara è finalizzato alla valutazione dell’offerta tecnica e nello specifico della competenza dell’operatore economico delle tematiche descritte e nell’affrontate determinati eventi o processi come richiesto nei quesiti al punto G).

FAQ n. 5

Domanda:

Al fine di consentire alle imprese partecipanti una corretta valutazione delle attività richieste (punto G2 del Disciplinare), si chiede cortesemente di fornire l'elenco completo dei cespiti di Brescia Infrastrutture per i quali è richiesta la valorizzazione. Vi chiediamo, inoltre, di precisare se sia già stata effettuata negli anni passati una stima del patrimonio tramite società specializzata (e sia pertanto richiesto unicamente un aggiornamento dei valori) o se tale attività sia da effettuare ex novo.

Risposta:

Al fine di garantire una più completa valutazione delle attività richieste alleghiamo il documento completo dei cespiti di Brescia Infrastrutture S.r.l. (il documento è caricato nella sezione " Documenti di gara"). L’attività di stima del patrimonio viene effettuata regolarmente ogni anno con dati raccolti fino al 31/12 ed emissione successiva all’approvazione del bilancio. All’aggiudicatario verrà richiesto di garantire questo servizio annualmente, con propria attività o demandata a terzi.

FAQ n. 6

Domanda:

Si chiede di confermare che la comprova del requisito del fatturato specifico minimo annuo, derivante da servizi svolti nel settore oggetto della gara, a favore di pubbliche amministrazioni, enti pubblici o società partecipate pubbliche possa essere fornita, oltre che dai bilanci, anche mediante copia dei certificati di regolare esecuzione del servizio, rilasciati dalle pubbliche amministrazioni, enti pubblici o società pubbliche partecipate stesse, con indicazione dell'oggetto, del periodo di esecuzione del servizio e dell'importo delle provvigioni relative al servizio stesso.

Risposta:

In merito alla comprova dei requisiti riguardanti il fatturato specifico minimo annuo, possono essere fornite le copie dei certificati di regolare esecuzione del servizio (rilasciate dai soggetti che hanno usufruito del servizio) con documento di comprova di effettivo pagamento per la verifica dei requisiti quantitativi, come specificato all’art. 7.2 del Disciplinare di gara, nonché all’art 86, comma 4 del Codice. In questo caso andranno indicati i motivi per cui non è possibile fornire i bilanci, per le società di capitali, o il modello unico e/o la Dichiarazione Iva, per le imprese individuali o le società di persone.

FAQ n. 7

Domanda:

Siamo a richiedere i seguenti chiarimenti dal DISCIPLINARE DI GARA:

1) 7.2 REQUISITI DI CAPACITA' ECONOMICA E FINANZIARIA Fatturato € 300.000,00: può essere inteso come raccolta premi relativi al triennio indicato a favore di pubbliche amministrazioni, enti pubblici o società partecipate pubbliche? 

2) 7.3 REQUISITI DI CAPACITA' TECNICA E PROFESSIONALE PROVVIGIONI € 40.000,00: possono essere considerate provvigioni anche le FEE corrisposte degli enti pubblici per i quali si presta il servizio di brokeraggio al netto di commissioni ma su pagamento di fatture, in seguito ad aggiudicazione.

Risposta:

1) Il fatturato richiesto di cui all'art. 7.2. del Disciplinare di gara fa riferimento alla raccolta delle provvigioni dei premi e non al mero importo dei premi stessi;

2) le FEE sono considerate come provvigioni valide per la verifica del requisito di capacità tecnico professionale.

FAQ n. 8

Domanda:

I requisiti di capacità economica e finanziaria di cui all'art. 7.2 del disciplinare di gara prevedono un fatturato minimo di Euro 300.000 maturato nel triennio 2015/2016/2017 mentre invece l'art. 7.3 "requisiti di capacità tecnica e professionale" prescrivono l'aver prestato almeno 3 servizi analoghi nel triennio 2016/2017/2018. Si chiede di chiarire se la non congruità fra i periodi di riferimento sia un refuso di stampa oppure se invece è intenzione della S.A. riferirsi espressamente ai periodi citati.

Risposta:

La differenza tra i trienni di riferimento per i requisiti richiesti è corretta, come da Disciplinare di gara, e non presenta refusi.